Home / È bene sapere / Creme per bebè tossiche: la lista nera. Un’inchiesta del settimanale Il Salvagente

Creme per bebè tossiche: la lista nera. Un’inchiesta del settimanale Il Salvagente

pannolino 300x213 Creme per bebè tossiche: la lista nera. Uninchiesta del settimanale Il SalvagenteMolte creme anti-arrossamento per bebè contengono un conservante, il phenoxyethanolo, che ha possibili effetti tossici sulla riproduzione e lo sviluppo. Scopri i prodotti in commercio che lo contengono.

Cosa c’è dentro le creme protettive usate per il cambio dei bebè? Una domanda più che legittima visto che si tratta di cosmetici dedicati ai piccolissimi, e in quanto tali devono essere ultra-sicuri, e che, per giunta, sono usati in una zona estremamente delicata del corpo dei neonati.
Le paste antiarrossamento agiscono in prossimità degli organi genitali dei bimbi e dunque, ancor più di altri cosmetici, devono essere usate con cautela e prestando la massima attenzione agli ingredienti che contengono.

Lo scorso novembre l’Agenzia nazionale francese per la sicurezza dei medicinali e dei prodotti sanitari (Ansm) ha invitato a non usare il phenoxyethanolo nei prodotti che vengono applicati sui glutei (le creme protettive appunto o le salviettine profumate) e di ridurre la sua concentrazione dall’attuale 1% allo 0,4% in tutti gli altri cosmetici.

Il phenoxyethanolo è un conservante ampiamente usato nei cosmetici ma da tempo sotto la lente di ingrandimento per i suoi possibili effetti tossici sulla riproduzione e lo sviluppo. Sospetti che sembrano sempre più fondati se l’Ansm è arrivata a raccomandare di non utilizzare il composto nei cosmetici destinati ai bambini sotto i tre anni di età.

In attesa che anche le autorità europee procedano a una rivalutazione del rischio, per precauzione sarebbe meglio evitare, a priori, i marchi che usano questo conservante.

Il settimanale Il Salvagente ha pubblicato il risultato di un ampio test incentrato sulle paste protettive per il cambio dei neonati e ben 6 le creme su 15 sono state colte in fallo per la presenza del “famigerato” conservante:

FISSAN Baby – Protezione e Natura

BABYGELLA – Pasta protettiva

AVÈNE Pediatril – Crema per il cambio

CHICCO – Pasta lenitiva

DERMOGELLA bébé – Baby Paste

FISSAN Baby – Pasta Alta Protezione

Le creme prese in esame in cui il il phenoxyethanolo è risultato assente sono:

WELEDA – Baby crema protettiva alla calendula

PURIS Baby care – Pasta protettiva

PASTA HOFFMAN – Lenitiva antiarrossamento

NIVEA BABY – Pasta protettiva emolliente

MUSTELA

AVEENO Baby – Crema barriera

JOHNSON’S PEDIATRIC – Baby Pasta Protettiva

PENATEN – Pasta protettiva

A-DERMA – Eryase crema

Nel caso delle paste protettive per il cambio dei pannolini, poi, l’invito del Salvagente è di privilegiare prodotti naturali privi non solo di phenoxyethanolo, ma anche di parabeni e petrolati, questi ultimi sostanze di bassissima qualità ottenute dal petrolio e che sono diffusissime in questi cosmetici.

Fonte: Barbara Liverzani, www.ilsalvagente.it

Ti piace questo articolo? Aiutaci a scriverne molti altri.




pixel Creme per bebè tossiche: la lista nera. Uninchiesta del settimanale Il Salvagente

5 commenti

  1. Buongiorno mi chiamo Sonia,
    ho acquistato il Bepanthenol per quando nascerà il mio bambino.
    Non avendolo trovato nella lista nera ho pensato che potesse andare bene come prodotto, ma leggendo i suoi componenti ho trovato del petrolatum. Cosa mi consigliate ? Grazie.

  2. Buongiorno io per il mio bimbo uso solo prodotti della HIPP che sono biologici.vanno bene? Io li acquisto in svizzera visto che in italia è quasi impossibile trovarli.saluti

    • misurafamiglia

      Non sappiamo dare indicazioni circa altre marche, l’articolo segnala anche una lista non nera, magari prova a contattare direttamente Il Salvagente

  3. Stefano Sedona

    È una notizia che fa ingiusto allarmismo. Consiglio di leggere qui prima di farsi idee sbagliate:

    http://www.butac.it/creme-tossiche-bambini/

Leave a Reply

Your email address will not be published.I campi obbligatori sono segnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>