News

Sabato 7 luglio, Spilimbergo: i Capitano tutte a Noi si esibiscono al Folkest

La musica cambia e le band si evolvono, si arricchiscono con nuovi componenti, pensieri, note e persone. Dopo il debutto a Pinzano, i Capitano tutte a Noi, progetto speciale della Cooperativa sociale Itaca con Folkest, si esibiranno sabato 7 luglio alle 20.30 in piazza Garibaldi (ingresso libero) con una nuova formazione, una scaletta arricchita con nuovi brani e nuovo groove.

Per il quinto anno consecutivo ospiti di Folkest, i CTAN nascono nel 2013 a Pordenone all’interno di un progetto che coniuga musica e diritti con una riflessione aperta sui temi del sociale, proseguendo una collaborazione ormai storica tra Itaca e Folkest, che da 17 anni sono impegnati fianco a fianco in un’ottica di sensibilizzazione rivolta all’accoglienza delle persone e al rispetto di tutte le individualità.

Salvaguardia del diritto di cittadinanza è sinonimo anche di potenziamento dell’autonomia della persona e valorizzazione di tutte le abilità. Per dare maggiore forza al proprio impegno, Itaca anche quest’anno – e per il quinto anno consecutivo – è presente a Folkest con il progetto Capitano tutte a noi, la cui caratteristica è essere aperto costantemente all’ingresso di altri componenti, anche solo per condividere un’esperienza musicale di ascolto dell’altro, in cui il gruppo, oltre che musicale, diventa una famiglia, un gruppo di amici.

Un luogo e laboratorio di confronto dove gli elementi principali sono la forza dell’essere gruppo e la condivisione di una passione comune, la musica. Sono trascorsi oramai 17 anni da quel primo incontro tra Itaca e Folkest, e ogni estate si conclude con l’impegno di continuare a condividere un cammino ed un progetto comune per promuovere il lavoro di rete e di incontri. Per sostenere diritti e valori come la vicinanza, la fratellanza, l’aiuto reciproco al di là di ogni confine etnico, stigmatico, religioso, fisico, sociale, di genere, culturale o di qualsiasi altro tipo. Perché è solo partendo da questi principi che è possibile migliorare la qualità di vita delle persone, una strada che Itaca e Folkest percorrono assieme dal 2001.

Nel corso del 2018 la band si è arricchita con due nuovi ingressi, quello di Roma Taran (batteria), la colonna ritmica della band, e di Gian Marco Toneguzzo (back vocals), una voce profonda figlia della dark new wave a cavallo della Manica. E poi ci sono Valentina Ius (voce), cresciuta tra wave, dark e Duran Duran, la front woman intensa e graffiante; Felice Bellucci (voce), un timbro cavernoso che richiama inevitabilmente i tormenti di Nick Cave o Johnny Cash, il contraltare di Valentina; Beniamino De Piccoli (chitarra), chitarrista versatile e fantasioso, tra morbido finger picking e funambolici virtuosismi; Valerio Todesco (chitarra), giovane rocker alla sei corde; Paolo Galofaro (basso), esploratore di musiche mai scontate, tra cantautorato e indie rock; Tiziano Grendene (chitarra, voce), amante del rock classico e del cantautorato elettrico italiano; Paolo Paron (tastiere, fisarmonica, armonica), partito dal blues, ama mescolare modernità e sonorità vintage.

Tags

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close
Close