Asilo e scuola

Il metodo Montessori continua a raccogliere consensi alla primaria Garzoni-Montessori di Udine

Continua a guadagnare consensi il metodo Montessori alla primaria Garzoni-Montessori di Udine, di via Dante, in linea con un più ampio fenomeno della “riscoperta” della proposta montessoriana al quale stiamo assistendo in Italia e all’estero. Sono infatti 55 i bambini in graduatoria che attendono di sapere se potranno frequentare le classi prime della scuola primaria nell’anno scolastico 2018/2019. Un trend in continua crescita ormai da qualche anno per questa che è stata la prima scuola montessori primaria pubblica in regione. Sono infatti oltre 170 i bambini regolarmente frequentanti l’istituto che ogni giorno, guidati da abili insegnanti opportunamente formati, imparano e crescono guidati dall’ispirazione della scienziata e pedagogista di Chiaravalle. A promuovere questo successo sono stati la continua sinergia tra Comune, Dirigenza scolastica, Insegnanti e Associazione dei Genitori che assieme si sono adoperati per perfezionare questo percorso, renderlo coeso e solido, e riconosciuto, ma soprattutto la passione delle famiglie che amano questo metodo, non tanto per la sua efficacia universalmente riconosciuta, ma semplicemente perché rende i bambini più felici, più sereni, avidi di imparare, curiosi e autonomi.

Il metodo Montessori è un approccio educativo ‘fisiologico’, che rispetta il bambino come essere, i suoi tempi e le sue inclinazioni, che coltiva la sua creatività e le sue infinite potenzialità, che sviluppa il suo spirito critico e la sua indipendenza, attraverso un ambiente accogliente ed appositamente studiato per essere esso stesso “maestro” e la guida di insegnanti improntati all’osservazione e all’ascolto. Proprio perché si tratta di un ‘metodo naturale’ è adatto a tutti i bambini, di ogni cultura, come ne testimonia l’enorme fama e diffusione a livello anche internazionale.

La scuola primaria Garzoni-Montessori ha attualmente sede presso il secondo piano della scuola Dante Alighieri, un edificio storico Udine molto bello e che si adatta perfettamente alle esigenze del metodo grazie ai suoi corridori ampi, parte integrante dell’ambiente educativo, alle belle aule luminose ma che, vista la grande affluenza di questi anni sta soffrendo la carenza di spazi adeguati. I bimbi infatti mangiano ancora in classe, senza avere uno spazio mensa adeguato, fondamentale per il progetto montessoriano in quanto il pranzo è una attività che, mediante il coinvolgimento e la collaborazione dei bambini nelle attività di apparecchiatura e di aiuto nel servizio ai tavoli, insegna, nobilitando l’atto del nutrirsi. Non hanno una palestra (ma solo uno spazio per l’attività motoria disponibile per alcune ore a settimana) né una biblioteca per le ricerche, attività essenziali a partire dal terzo anno. Anche la stanza insegnanti presto dovrà lasciare posto a nuove classi.

Di questo però si stanno prendendo a cuore i genitori e le famiglie, molto partecipi alla vita scolastica in questa realtà, che attraverso l’Associazione Genitori Montessori Udine sono in continuo dialogo con le istituzioni.

Anche la direzione dell’I.C. Udine 2 si sta adoperando molto a sostenere il progetto, organizzando, assieme all’Associazione Costruire Montessori, voce dell’Opera Montessori in Friuli, i corsi di formazione per gli insegnanti Montessori, giunti ormai alla seconda edizione e progettando un possibile percorso sperimentale per la scuola secondaria di primo grado Valussi, ancora in fase di valutazione, al termine della formazione montessoriana dedicata ai docenti di questo segmento, in partenza nei prossimi mesi.

 

Tags

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Close
Close