Genitorialità

Al cinema per conoscere l’affido familiare: a Porcia lunedì 12 e 26 marzo

L’associazione L’Arcobaleno Onlus di Porcia dedica il mese di marzo alla sensibilizzazione sui temi dell’accoglienza, dell’affidamento familiare e della relazione genitoriale attraverso “Relazioni che aprono all’amore”, la rassegna cinematografica aperta a tutti e dedicata in particolare a coloro che hanno in corso un progetto d’affido o a chi è aperto all’accoglienza e desidera approfondirne la tematiche. Due gli appuntamenti in calendario in Sala Grande al Cinemazero di Pordenone: lunedì 12 marzo il film “Mommy” e lunedì 26  marzo “White Oleander”. L’ingresso è gratuito. Entrambe le proiezioni avranno inizio alle 20.30.

Al termine, è prevista una riflessione-dibattito moderato dalla dottoressa Maella Lorenzon, che lavora da diversi anni nell’ambito dell’adozione e della malattia cronica con specializzazione nella terapia Psicoanalitica dell’Infanzia e dell’Adolescenza ed è supervisore dell’area accoglienza familiare de L’Arcobaleno Onlus la quale avrà il compito di introdurre il pubblico al tema delle relazioni affettive e dell’affido familiare.

“Una rassegna – spiegano gli operatori della Onlus a Porcia – per avvicinare al tema dell’affidamento e sensibilizzare le famiglie alla possibilità di accogliere in casa propria un bambino in difficoltà familiare. Noi diciamo che l’affido sia un incrocio di vite, la possibilità di innescare un circolo virtuoso che mette in gioco famiglie, bambini e ragazzi, e tutti i servizi educativi del territorio. Dopo questa rassegna – proseguono gli operatori – sarà infatti organizzato un ciclo di sei incontri informativi e di avvicinamento all’affido  e al sostegno familiare che si svolgerà il martedì, dal 2 maggio al 5 giugno nella sede della nostra associazione”.

Il primo film ad essere proiettato il 12 marzo è “Mommy”, di Xavier Dolan. Si racconta del rapporto madre-figlio, un amore totale, al limite del dramma tra un ragazzo difficile e una donna che, nonostante l’impegno rimane, anch’essa, ancora una volta, vittima della solitudine.

Il secondo film è “White Oleander” di Peter Kosminsky e sarà proiettato il 26 marzo. Ispirato al romanzo omonimo di Janet Finch, racconta le vicende di una quindicenne che, in seguito alla condanna della madre per omicidio, sperimenta l’affidamento familiare, trovandosi costretta a calarsi in realtà familiari non migliori di quella in cui è vissuta.

Come detto, è stata annunciato l’avvio di un percorso di formazione per gli adulti disponibili all’affido e sostegno familiare, che si svolgerà in sei date nella sede dell’Onlus in via dell’Acacie a Porcia: il 2 maggio, l’8 maggio, il 15 maggio, il 22 maggio, il 29 maggio e il 5 giugno. Si parlerà di legislazione, ma anche dei vissuti di deprivazione e di strumenti e risorse propri della famiglia affidataria. La partecipazione è gratuita, su iscrizione. La relatrice sarà la dott.ssa Maella Lorenzon.

Dal 1994 la casa famiglia L’Arcobaleno Onlus accoglie, in forma residenziale o diurna,  bambini e ragazzi in situazioni di disagio familiare inviati dai Servizi Socio- Sanitari del territorio.
L’opera coinvolge, oltre al personale professionale interno, numerosi volontari che si formano e si impegnano in varie attività a supporto dell’associazione.

Inoltre la Onlus è da sempre attiva nella prevenzione del disagio minorile anche attraverso iniziative di formazione in ambito educativo.
La rassegna “Le relazioni che aprono all’amore” si avvale del patrocinio de il Comune di Pordenone e di Porcia, dell’Equipe Minori e Affido dei Servizi Sociali delle Uti del Noncello e Sile e Meduna e dei Servizi dell’Azienda per l’Assistenza Sanitaria n. 5 Friuli Occidentale ed è realizzata con la collaborazione del Cinemazero di Pordenone.

Tags

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close
Close