Formazione

Sacile: MEDES forma docenti e studenti mediatori perprevenire l’abbandono scolastico

Formazione dei docenti e degli studenti sulla mediazione per prevenire l’abbandono scolastico precoce grazie al progetto europeo MEDES, è un autunno intenso e tutto dedicato agli appuntamenti di formazione per alunni e insegnanti di diversi istituti scolastici sacilesi, pordenonesi e veneti grazie alle interazioni del progetto Erasmus + e agli educatori esperti della Cooperativa sociale Itaca. Avviata la fase preparatoria degli studenti per gli scambi con i coetanei spagnoli, in programma da febbraio 2018, Istituto comprensivo e Scuola Media Balliana-Nievo a Sacile insieme a Ies Miralcamp di Vila-real rafforzano la cooperazione in vista della conclusione del progetto, i cui risultati finali verranno presentati a Sacile nel maggio 2018 con la regia dell’Amministrazione comunale.

Dopo la fase di formazione per i gruppi di operatori, docenti e formatori selezionati dai partner del progetto in Spagna e in Italia, grazie alla partnership del progetto MEDES l’Istituto Comprensivo di Sacile, con la Scuola Media Balliana-Nievo, la Cooperativa Itaca e l’istituto IES Miralcamp rafforzano la loro cooperazione per allargare l’interesse sui temi della mediazione scolastica ed umanistica, cuore del piano di lavoro triennale finanziato dall’Europa attraverso Erasmus+, che coinvolge anche il Comune di Sacile e quello di Vila-real, oltre all’Associazione El Porc Espí.
Il progetto infatti si avvia ormai alla sua fase finale, che prevede, tra febbraio e maggio 2018, l’organizzazione degli scambi tra studenti delle due Scuole, da avviarsi con una fase preparatoria di contatti attraverso piattaforme digitali, tra le quali “eTwinning”, la più importante community via web destinata a staff, docenti e alunni degli Istituti scolastici europei, sempre sotto la spinta della Commissione di Bruxelles attraverso il programma Erasmus+ 2014-20. Grazie a questi canali, già attivati come parte integrante del MEDES, il progetto potrà avviare una dimensione più ampia, per diffonderne il cammino e i quindi risultati, che saranno presentati ufficialmente a maggio 2018 a Sacile, in un evento pubblico che coinvolgerà tutti i maggiori attori impegnati nell’ambito sociale, educativo e formativo, sotto la regia dell’Amministrazione comunale.
Nel frattempo, su iniziativa dei coordinatori del progetto all’interno della Scuola Media Balliana-Nievo e della Cooperativa Itaca, alcuni passi concerti sono stati messi in campo per dare maggiori strumenti di conoscenza delle tecniche di mediazione sia a docenti che studenti, in due fasi successive. Un primo ciclo di incontri, riservato agli insegnanti, è stato tenuto dagli operatori di Itaca coordinati da Sara Dell’Armellina, esperta di mediazione coinvolta attivamente nel MEDES, con un’ottima risposta da parte di una cinquantina di docenti, che tra fine settembre e inizio ottobre hanno potuto seguire alcune lezioni formative e un workshop a Sacile. Tra le Scuole di provenienza, oltre a quelle facenti parte dell’Istituto Comprensivo cittadino (dall’Infanzia alle Primarie fino alla Scuola Media), anche i Licei Pujati e l’IPSIA “Della Valentina”, l’IPSIA “Carniello” di Brugnera ed alcuni istituti del Veneto (ISIS Cerletti di Conegliano e gli Istituti Comprensivi di Gorgo al Monticano e di Codognè).
Un secondo ciclo, tuttora in corso fino alla fine di ottobre, prevede il coinvolgimento diretto degli alunni delle classi seconde con l’insegnamento dello spagnolo della Scuola Media sacilese, per un percorso finalizzato alla conoscenza delle tecniche di mediazione e allo sviluppo delle competenze linguistiche, in vista della selezione dei 10 studenti che costituiranno il gruppo degli “alunni mediatori” direttamente coinvolti nello scambio MEDES che li porterà prima a Vila-real nel mese di febbraio 2018 e quindi ad accogliere i coetanei spagnoli a Sacile nel mese di maggio.
Una seconda fase di formazione è attesa a novembre, quando, in occasione della prossima riunione transnazionale di gestione del progetto, in agenda a Sacile su coordinamento proprio della Scuola Media, potranno essere avviate ulteriori occasioni di approfondimento, grazie alla presenza degli esperti spagnoli in città.

Info sul progetto MEDES:
http://medes.vila-real.es
Facebook: ProyectoMedes

Tags

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close