Cinema

La programmazione dedicata ai più giovani del Far East Film Festival di Udine

Ecco, all’interno del programma  del festival del cinema asiatico Far East Film (21-29 aprile 2017), le proposte dedicate  alle scuole e soprattutto al pubblico giovane in genere, essendo i film soprattutto in giornate festive o fascia serale.Le proiezioni saranno l’occasione per assistere a film di qualità in un contesto unico: il più grande festival di cinema asiatico in Europa, tra i primi al mondo.

Purtroppo tutti i film dei festival di cinema in Italia sono vietati ai minori di 18 anni, perché non hanno visto di censura. Salvo situazioni particolari (scolaresche organizzate per le quali si garantisce che il film è assolutamente adatto) saranno ammessi in sala solo maggiorenni.

SURVIVAL FAMILY (Giappone, 2017) di Yaguchi Shinobu, 117’
Una famigliola, i Suzuki, alle prese con un blackout totale e il caos che ne segue. Mentre Tokyo piomba nell’anarchia, papà, mamma, la figlia Yui e il figlio Kenji si uniscono all’esodo utilizzando le loro biciclette per pedalare in direzione di Kagoshima, dove il nonno fa l’agricoltore.
Un film lieve, ottimista, che illustra come è dalle sconfitte che si può progredire e divenire una famiglia migliore.
Il film, in anteprima europea, sarà proiettato sabato 21 aprile alle ore 20.00 ad aprire la 19a edizione del FEFF.

KUNG FU YOGA (China/Hong Kong/India, 2017) di Stanley Tong, 107’ con Jackie Chan
Kung Fu Yoga è l’ultima collaborazione in tema di film azione tra Jackie Chan e lo sceneggiatore e regista Stanley Tong. Chan interpreta l’eminente archeologo cinese Jack, che viene consultato per un caso relativo al passaggio transfrontaliero illegale di importanti manufatti antichi.
Film d’avventura spudoratamente demenziale, costellato di luoghi comuni (come l’incantatore di serpenti indiano) e riferimenti cinematografici evidenti (I predatori dell’arca perduta, Bollywood), Kung Fu Yoga però compensa con azione frenetica, grandi scene di combattimento con Jackie Chan sessantenne in piena forma, comicità sciolta e spirito gioioso.
Il film in anteprima italiana sarà proiettato domenica 23 aprile alle ore 15.10.

VANISHING TIME: A BOY WHO RETURNED (Corea del Sud, 2016) di Um Tae-hwa, 129’
Soo-rin è una ragazza indipendente ma solitaria, amica di un simpatico orfano, Sung-min. Riconoscendo l’indole creativa ed empatica del ragazzo, Soo-rin coltiva l’amicizia con lui; i due per comunicare tra loro condividono una serie di codici linguistici segreti. Un giorno Sung-min e i suoi amici decidono di esplorare una grotta in montagna legata a un mito locale. Quando entrano nella grotta vi scoprono inaspettatamente quello che sembrerebbe un grande uovo di dinosauro. Sung-min decide di spaccarlo. Pochi minuti dopo, quando Soo-rin ritorna indietro per raggiungere i ragazzi, scopre che sono svaniti nel nulla…
Vanishing Time è un piccolo e poetico fantasy incentrato sui salti temporali. È il frutto maturo di un autore che guarda, con grande compassione ed empatia, all’infanzia trascorsa a lottare per superare il senso di isolamento.
Il film, in anteprima italiana, sara proiettato domenica 23 aprile alle 17.15.

ZHU’S SUMMER (Cina, 2017) di Song Haolin, 90’
Una storia semplice sul rapporto tra insegnanti, alunni ed i genitori in una scuola elementare di Qingdao nella Cina settentrionale nasconde una riflessione seria sui valori e lo stato della società cinese contemporanea. Il film ruota attorno a Mr. Zhu e due studenti particolarmente problematici, soprannominati Grasshopper e King Kong, In questo contesto di egoismo esasperato e mancanza di disciplina, un gesto apparentemente spontaneo e che dovrebbe essere normale – Grasshopper e King Kong che aiutano una persona anziana caduta per strada (ma lo fanno del tutto casualmente) diventa un fatto eccezionale, al punto di trasformarsi in un evento mediatico.
Il film, in anteprima mondiale, sarà proiettato domenica 23 aprile alle ore 20.00.

MY UNCLE (Giappone, 2016) di Yamashita Nobuhiro, 110’
La voce narrante del film è quella di Yukio, un bambino precoce che frequenta la scuola elementare, cui viene assegnato il tema di descrivere un membro della sua famiglia; dopo qualche tentativo e ripensamento, fa cadere la sua scelta sul suddetto zio: professore di filosofia a part-time che vive alle spalle del fratello maggiore. Il cui unico talento, a quanto pare, è quello di trovare contorte motivazioni a tutto ciò che fa o (più frequentemente) non fa.
Tratto da un romanzo di Kita Morio del 1972, My Uncle, nelle parole di Mark Shilling (dal catalogo del FEFF), è un film capace di far sentire gli spettatori “più leggeri e in pace col mondo. E che c’è di male?”.
Il film, in anteprima per l’Europa, sarà  proiettato martedì 25 aprile alle 17.20.

TAM CAM: THE UNTOLD STORY (Vietnam, 2016), di Thanh Van (Veronica) Ngo, 116’
Il film ha per protagonista una sorta di Cenerentola vietnamita, Tam, che, risolta in una mezzoretta la classica vicenda della fiaba occidentale, si ritrova al centro di una storia tutta orientale di genere fantasy e wuxiapian: con combattimenti d’arti marziali corpo a corpo, battaglie epiche, scontri di spade e persino battaglie di mostri in grafica computerizzata… Un mix di generi confezionato con leggerezza e un tocco di ironia e umorismo che rendono il film consigliatissimo al pubblico giovane.
Il film (anteprima europea) sarà proiettato sabato 29 aprile alle 9.00.

I film saranno proiettati in versione originale con sottotitoli in inglese e italiano.

Il biglietto è di 5 € nei mattutini feriali, 6 € nei mattutini festivi (8 € per i due film della mattinata feriale, 10 € in quella festiva, 20 € per il giornaliero/daily).

La sede della proiezione il Teatro Nuovo Giovanni da Udine.

Prenotazioni (obbligatorie per gruppi di studenti): [email protected], a voce 0432 299545

Per informazioni sul festival vedi www.fareastfilm.com

Eventi dedicati a bambini e ragazzi:
Festival in testa a cura di Manuela Morana
Kaleid’Oriente a cura di Chiara Giorgiutti
Haiku nello zaino a cura di Gaia Sain
Cronosisma: viaggiare e saltare nel tempo a cura di Anna Antonini
4 passi fra i suoni d’Oriente a cura di Giorgio Parisi
Giardini mattoncini con a cura di Dario Querini e Claudio Molaro di FVG Brick Team
Info su: http://events.fareastfilm.com/kids-teens/

Tags

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close