ItinerariPrimo piano

“Fuori rotta, felici in natura”: domenica 18 febbraio al Biotopo di Flambro e Mulino Braida

Prima tappa di quattro incontri a cadenza mensile per meravigliarsi della natura e crescere insieme, all’interno del progetto “Fuori rotta, felici in natura” a cura dell’Associazione CROT Varia Umanità APS e del suo staff: un’educatrice ambientale e una psicologa-coach vi accompagneranno in un viaggio a tappe lungo l’asta principale del fiume Stella, dalla sorgente avvicinandoci alla foce.

Passeggiata per famiglie al Biotopo di Flambro alla scoperta delle sorgenti naturali del fiume di risorgiva più importante della nostra regione: il fiume Stella. Si passeggerà insieme alla scoperta delle meraviglie naturalistiche ponendo attenzione alla parte relazionale ed educativa. Sarà inoltre possibile visitare anche il Mulino Braida, recentemente ristrutturato, dove sono visibili macine e tramogge nonché alcuni allestimenti espositivi finalizzati ad illustrare l’attività molitoria.

Crediamo nella natura come opportunità di esperienza, condivisione, crescita e apprendimento. Crediamo che la natura sia la nostra casa e che il Friuli Venezia Giulia abbia delle stanze bellissime, tutte da scoprire.

Il Biotopo naturale regionale “Risorgive di Flambro” si trova in comune di Talmassons. La Regione Friuli Venezia Giulia ha istituito questo biotopo nel 1998 per tutelare un ambiente ricco di specie rare a rischio d’estinzione. Un sentiero ad anello permette di scoprire gli ambienti esclusivi delle risorgive potendo ammirare specie endemiche e relitti glaciali unici di questi ambienti umidi. Maggiori info.

Difficoltà. Primo livello – Turistico – adatto a tutti.

Ritrovo domenica 18 febbraio alle ore 9:45 presso il Mulino Braida (Google Maps link: https://goo.gl/maps/rsjaEhiePf32). Equipaggiamento richiesto. Abbigliamento adatto alla stagione e antipioggia; scarponcini da trekking; macchina fotografica; lente d’ingrandimento; taccuino, matita e una borraccia.

Quota di partecipazione a persona: 7 euro per i soci CROT Varia Umanità APS e 10 euro per i non-soci. Bambini fino ai 12 anni gratuiti.

Attività a numero chiuso. Si richiede la prenotazione entro e non oltre 2 gg prima della data dell’uscita al numero 0432 25543. Pagamento in loco in contanti.

In caso di leggero maltempo l’attività sarà confermata. Se le condizioni meteorologiche non permetteranno
il normale svolgimento delle attività previste, gli iscritti verranno avvisati tramite sms/mail il giorno
precedente e verrà comunicata loro la nuova data. Si fa riferimento alle previsioni meteo di Osmer FVG –
www.meteo.fvg.it

Dove mangiare nelle vicinanze
– Agriturismo Pittuello www.agriturismopituello.com
– Antica Osteria La Grise (tripadvisor)
– Mondelli Stable – Ranch di Nuzzo Enzo (tripadvisor)
cosa vedere nelle vicinanze
– Biotopo Virco e Castions
– Chiesette: Sant’Antonio Abate – San Giovanni Battista – Santa Maria Maddalena (aperte su richiesta pervenuta alle organizzatrici dell’evento Fuorirotta, felici in natura)

Iniziativa realizzata con il patrocinio dei comuni DI Rivignano Teor, Precenicco e Talmassons

L’associazione di promozione sociale CROT Varia Umanità aderisce al “Decalogo delle famiglie fuori” proposto dall’associazione culturale Bambini e Natura (www.bambinienatura.it). Tale Decalogo enfatizza la scelta responsabile degli adulti di passare del tempo all’aperto in quanto la natura si presenta come opportunità di esperienza, crescita, apprendimento dei bambini e ragazzi. Le attività proposte saranno condotte da due operatori soci che hanno a cuore il Fiume Stella in quanto sulle sue rive hanno vissuto e/o ci vivono ancora. Claudia, educatrice, psicologa e coach segue la parte relazionale, di scoperta personale e di sviluppo della famiglia; Dolores, educatrice ambientale segue la parte naturalistico-osservativa. Crediamo che l’educazione ambientale non possa che passare attraverso un’educazione nell’ambiente in grado di rimettere al centro la relazione del bambinoragazzo-adulto con la natura e, nel farlo, renderli protagonisti del loro apprendimento e della loro crescita. Quello che si propone è un’esplorazione congiunta, una graduale appropriazione del luogo e un’autentica esperienza di scoperta dell’esteriore e dell’interiore.

Tags

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close