Home / Mondo bimbi / Asilo e scuola / Comune di Udine: apertura dei cortili scolastici, al via il progetto Casper

Comune di Udine: apertura dei cortili scolastici, al via il progetto Casper

Share

Riqualificare i cortili scolastici affinché possano essere utilizzati non solo dalle scuole e durante l’orario scolastico, ma anche dalla comunità e dal quartiere nei periodi in cui non ci sono attività scolastiche. Con questo obiettivo la giunta comunale ha deciso di dare attuazione al progetto Casper (Cortili e aree scolastiche pubbliche ecosostenibili e riqualificate), approvato nel corso della seduta di martedì 25 luglio. Il primo risultato concreto dell’iniziativa sarà l’apertura al pubblico del cortile della scuola primaria “Gianni Rodari” di via Val di Resia, che dal 1° agosto al 2 settembre, dalle 7 alle 21 di ogni giorno, festivi compresi, sarà a disposizione di tutta la cittadinanza.

«Le scuole della città di Udine sono provviste di aree verdi fruibili – spiega l’assessore allo Sport, all’Educazione e agli Stili di Vita, Raffaella Basana –  che raramente vengono vissute al di fuori di una progettualità o di una intenzionalità educativa scolastica». Per questo motivo l’amministrazione comunale ha deciso di dare avvio a un percorso partecipato tra le scuole e i servizi comunali che gestiscono le manutenzioni delle strutture. Un percorso che prevede la partecipazione anche dei genitori e dei cittadini attivi organizzati in associazioni, che saranno coinvolti nella progettazione e nella gestione di uno scambio scuola-territorio inteso come occasione di crescita e di sperimentazione.

«Partendo da una visione della scuola aperta alla città, i cortili scolastici possono diventare una risorsa per il territorio – osserva Basana –, veri spazi pubblici da mettere in campo quali centri propulsivi e di aggregazione per il quartiere nei momenti in cui non vi sono attività scolastiche, luoghi adatti al gioco e al movimento all’aria aperta, importanti per  la crescita armoniosa e la salute di tutti i cittadini. Sono certa che l’esperienza con la scuola Rodari si dimostrerà utile per la successiva azione diretta ad ampliare questa prospettiva».

Share

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*